ITALIA FEMMINILE: DA ADESSO TESTA AL SEI NAZIONI

Domenica scorsa ha visto le nostre Azzurre vincitrici contro il Sudafrica nel primo e storico incontro tra le Nazionali
femminili dei due paesi. Siamo orgogliosi anche della conferma del settimo posto nel ranking mondiale di queste formidabili ragazze.

La vittoria di domenica 25 è stata resa speciale anche grazie alla serie di eventi organizzati intorno al Chersoni di Prato: una concentrazione di donne e ragazze si sono riversate nella città toscana per la quarta tappa della coppa Italia e le rappresentative regionali juniores femminili. L’obiettivo di far conoscere il sempre più largo movimento femminile del Rugby italiano era affiancato anche da un fine più importante.

Domenica 25 è stata la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne e molti club a giro per l’Italia hanno partecipato in svariati modi a questa giornata di sensibilizzazione (vedi i giocatori delle Zebre scesi in campo con calzettoni rosa per la partita di Pro14).

In prima linea contro la violenza sulle donne, la Nazionale femminile ha partecipato a incontri di sensibilizzazione sulla violenza di genere e ha giocato con lacci rosa agli scarponcini. Piccoli gesti dal significato profondo.

In uno sport che è spesso stato definito troppo pesante per le
donne, oggi abbiamo una Nazionale femminile in crescita che ci
regala continue soddisfazioni. Tanto è stato fatto e si sta facendo per promuovere il Rugby Femminile a 15 sul territorio italiano e le continue vittorie dell’Italdonne certamente contribuiscono. La FIR, per incentivare lo sviluppo del movimento in rosa della palla ovale, ha istituito ad inizio stagione, una nuova categoria giovanile la under 18, che va quindi ad affiancarsi alla under 16. Le squadre giovanili saranno quindi impegnate ogni anno nei relativi campionati interregionali per favorire la partecipazione

Purtroppo la discriminazione di genere nello sport è un fenomeno ancora troppo frequente e molte donne vengono frenate nelle loro passioni dagli stereotipi che ancora aleggiano negli ambienti sportivi italiani. Una squadra sportiva in primis dovrebbe essere il lugo migliore per la crescita del rispetto verso il prossimo ed è per questo che le società sportive devono essere le prime a promuovere la riflessione in giornate come quella del 25 novembre.

I Test Match di novembre della nostra Italia femminile si sono conclusi nel migliore dei modi: due emozionanti e speciali vittorie che aprono la strada ad un Sei Nazioni che, siamo sicuri, ci farà sognare.

La prossima gara delle Azzurre è prevista per il primo venerdì di febbraio, in trasferta contro la Scozia nel Women’s Six Nations.

Condividi

Lascia un commento