A TU PER TU CON TOMMASO CASTELLO (SPECIALE DERBY)

Finalmente questo sabato c’è il tanto e atteso derby celtico tra Benetton Rugby e Zebre Rugby. Si gioca sabato 28 aprile alle ore 17.00 presso lo Stadio Comunale di Monigo di Treviso. Per questo motivo abbiamo intervistato il capitano delle Zebre Rugby, Tommaso Castello. Di seguito l’intervista completa:

 

“Voi arrivate dalla vittoria in casa contro gli Ospreys, con che mentalità affronterete il derby contro il Benetton Rugby?

Consapevoli del fatto che affrontiamo una squadra che in questa stagione ci ha battuto già due volte e che a sua volta nell’ultima uscita a Dublino ha battuto il Leinster, quindi è una squadra sicuramente in forma. Inoltre ha dimostrato durante tutto l’anno i miglioramenti fatti in questa stagione. Sappiamo che ci aspetterà una partita molto dura, forse anche di più delle ultime due contro di loro. 

 

Le due franchigie possiedono caratteristiche diverse, voi siete più cinici in attacco, mentre il Benetton ha un’ottima difesa. Quale sarà il vostro focus principale del match?

Noi sappiamo sia i nostri punti forti che i loro, credo che per essere competitivi dobbiamo fare un passo in avanti nei nostri punti deboli, perciò il nostro focus sarà principalmente sulla difesa, sia nelle fasi statiche che nel gioco aperto. Noi abbiamo più facilità a giocare con la palla in mano, perciò per noi farà la differenza sarà il modo in cui difenderemo.

 

Come valuti l’anno da un tuo punto di vista?

Credo che bisogna vedere sempre il bicchiere mezzo pieno, soprattutto dal fatto che le Zebre hanno raccolto meno di quanto abbiano seminato. Sebbene abbiamo fatto delle buone prestazioni la vittoria non è arrivata, per cui da un punto di vista delle prestazioni è stata un’annata molto positiva, mentre da un punto di vista dei risultati avremmo potuto vincere qualche partita in più. Comunque ci resta un buon in-put per il prossimo anno.”

 

Ringraziamo Tommaso Castello per la sua codiale disponibilità e gli auguriamo un gran in bocca al lupo per sabato

Condividi

Lascia un commento