A CHE ORA E’ LA PARTITA?

“Un gioco in cui le squadre – aspiranti vincitrici del match – hanno l’obiettivo di portare il pallone ovale con le mani, oltre la linea di meta avversaria, e/o con i piedi tra i pali.”

Questa è una semplice e risolutiva definizione di rugby, disciplina sportiva sconosciuta a molti, non ben compresa da altri, nonché passione per pochi (a buon intenditor, poche parole).

A ben vedere, tuttavia, il Rugby, è un sostantivo che cela il più puro significato della Fratellanza, nella sua ideologia del “sano” ed egoistico del “malsano” e ciò non deve sorprendere, poiché non soltanto la Perfezione non è acquistabile sul mercato, ma anche alcuni Valori hanno dato il cambio ad abitudini già ammonite dalla Vita per favoritismi ripetuti e condizioni contrattuali – peraltro, talvolta assenti – più che discutibili in avanti.

Ad oggi, forse eccezionalmente non per taluna squadra, le sfumature negative di tale Sport hanno superato le positive (se ne parlerà a tempo debito attraverso le voci dei nostri Lettori) ma è indubbio come tale Sport abbia superato le aspettative del suo momento – passate il termine – buio, mettendo in campo gli acquisti più rari e preziosi: Umiltà e Coscienza.

Con Umiltà, ha dimostrato di non avere niente in meno alle altre discipline sportive idolatrate.
Con Coscienza, ha surclassato i moderni impressionisti delle posizioni in classifica, di alcuni allenamenti incompleti ma necessari, vanificando i veri e notevoli sforzi di alcuni e mettendo a tacere i cori delle finte certezze – anche economiche – di altri (come poter pensare si tratti di una decisione affrettata e di un’attenuante alla mancata considerazione del futuro dell’una o dell’altra Società a discapito del bene comune del nostro Paese?).
Con Umiltà e Coscienza, su un terreno di gioco privo di manutenzione, ha fatto squadra comune con l’obiettivo di portare la vita non solo del mondo ovale ma di Tutti, con le mani, sottoscrivendo la delibera della sospensione dell’attività sportiva agonistica e amatoriale fino allora svolta, oltre la linea di meta dell’emergenza in corso, e/o con i piedi, tra l’assistenza pubblica.

In data 26 marzo 2020, alla vigilia del centoquarantanovesimo compleanno della prima partita internazionale di rugby (27 marzo 1871 – Scozia vs. Inghilterra), ha vinto in toto il Campionato dello Sport, rigorosamente in video-conferenza.

DD, autrice di Rugby’s Eye

Condividi

Lascia un commento